Dalla tragedia alla farsa. Lo stalinismo ieri e oggi


La Cina del Grande Timoniere (prima parte)

Mao e il maoismo italiano: una politica opportunista e fallimentare da archiviare per sempre, anche nel mito

Il fraintendimento della Rivoluzione culturale e dell’esperienza cinese, vista come novità radicale e libertaria nel panorama del comunismo mondiale. Millenarismo e ascetismo messi al servizio degli scontri di potere all’interno della burocrazia cinese. La ricezione del maoismo in Italia e le principali differenze col marxismo rivoluzionario (prima parte) Leggi qui la seconda parte Il maoismo è stato il riferimento dominante dell’estrema sinistra italiana...

4 Febbraio 2021 - Franco Grisolia

La Cina del Grande Timoniere (seconda parte)

Mao e il maoismo italiano: una politica opportunista e fallimentare da archiviare per sempre, anche nel mito

Il fraintendimento della Rivoluzione culturale e dell’esperienza cinese, vista come novità radicale e libertaria nel panorama del comunismo mondiale. Millenarismo e ascetismo messi al servizio degli scontri di potere all’interno della burocrazia cinese. La ricezione del maoismo in Italia e le principali differenze col marxismo rivoluzionario (seconda parte) Leggi qui la prima parte Il proletariato aveva assistito fino a quel momento – 1966 – in maniera...

4 Febbraio 2021 - Franco Grisolia

Pietro Tresso e la nascita del trotskismo italiano

1930: la svolta del PCd’I e l’espulsione dei “tre”

Il 27 ottobre 1943 veniva assassinato il compagno Pietro Tresso, detto “Blasco”, fondatore e dirigente del Partito Comunista d’Italia e amico di Gramsci, espulso per “trotskismo” dal partito nel 1930 per volontà di Togliatti, fondatore della Quarta Internazionale, assassinato in Francia dagli stalinisti durante la Resistenza. In questo testo si ripercorre la svolta che avvenne nel 1930 all’interno del PCd’I, in relazione ai profondi...

27 Ottobre 2020 - Sergio Leone

La spazzatura cerca di uscire dalla pattumiera, ma ricade subito ancora più in basso

Una breve ulteriore replica al falsificatore stalinista Concetto Solano

Ci scusiamo con i compagni e le compagne ma dobbiamo segnalare che il falsificatore stalinista Concetto Solano ha avuto la faccia tosta di rispondere ulteriormente alla nostra replica. È vero che ha dichiarato tramite il sito di Red Militant che era l'ultima volta che sarebbe intervenuto in replica a noi. Speriamo proprio, perché non è per noi molto interessante dover smascherare le sue varie falsità. "Ma allora perché ci perdete tempo, quando di...

11 Giugno 2020 - Partito Comunista dei Lavoratori

Le radici, le cause e gli effetti dello stalinismo

Nel testo "The Birth of Stalinism" (La nascita dello stalinismo), lo storico ceco Michael Reiman fornisce un fondamentale argomento sulle origini del sistema stalinista. Le politiche dettate da Stalin furono anche una reazione alla profonda crisi sociale ed economica. Il raccolto del 1927, infatti, fu così scarso che, all’inizio del 1928, fu introdotto il razionamento del cibo. Il raccolto del 1928 fu ancora peggiore. Alla crisi nelle campagne si aggiunse una crisi nel settore...

9 Giugno 2020 - E. G.

Replica a Concetto Solano e a Red Militant

Il compagno Grisolia ha risposto con un ampio testo ad un articolo di un tal Concetto Solano apparso nel sito L’Ordine Nuovo, che costituiva un incredibile testo stalinista di calunnie e falsificazioni contro il bolscevismo e i suoi martiri, oltre che nei riguardi dei comunisti (e anarchici) italiani rifugiati in URSS e vittime di Stalin. Solano ci ha risposto con un comunicato pieno di insulti, cosa che non costituisce alcun problema per noi, visto anche da dove provengono tali...

28 Maggio 2020 - Partito Comunista dei Lavoratori

A proposito di spie fasciste, trotskisti e torture in URSS

Una risposta necessaria al calunniatore antibolscevico Concetto Solano

«Stalin è troppo grossolano, e questo difetto, del tutto tollerabile nell'ambiente e nei rapporti tra noi comunisti, diventa intollerabile nella funzione di segretario generale. Perciò propongo ai compagni di pensare alla maniera di togliere Stalin da questo incarico e di designare a questo posto un altro uomo che, a parte tutti gli altri aspetti, si distingua dal compagno Stalin solo per una migliore qualità, quella cioè di essere più tollerante,...

21 Maggio 2020 - Franco Grisolia

Gli accordi di Yalta e Teheran e la politica stalinista in Europa e negli USA

Un articolo di James Cannon

La memoria del 25 aprile in Italia è la memoria anche della rivoluzione sconfitta in Europa. In questo articolo apparso nel luglio 1951 sul giornale The Militant, organo del Socialist Workers Party, sezione statunitense della Quarta Internazionale, il dirigente trotskista James Cannon (che venne incarcerato durante la seconda guerra mondiale, insieme a molti altri marxisti rivoluzionari, per essersi opposto al conflitto e per aver fatto propaganda internazionalista), partendo dai...

25 Aprile 2020 - James P. Cannon

Ma il PCI era comunista?

Nei giorni in cui si celebra il novantanovesimo anniversario della nascita del PCI, riproponiamo questa analisi di Tiziano Bagarolo scritta nel 2009 La domanda non è provocatoria, è seria. Come sia finito il PCI è noto, liquidato da parte del suo stesso gruppo dirigente. La domanda da porsi è, allora: da quando e da quanto quel gruppo dirigente non era più comunista? Non voglio andare per le lunghe. A costo di essere schematico e approssimativo: il PCI...

27 Gennaio 2020 - Tiziano Bagarolo

I marxisti rivoluzionari e i movimenti democratici

A proposito del dibattito sulle sardine

Il rapporto del marxismo rivoluzionario con i movimenti non direttamente classisti è questione antica come il movimento operaio. Già Marx ed Engels si occuparono in forme diverse del tema. Ad esempio criticando l'impostazione “operaista” di Lassalle, che vedeva al di là degli operai solo una indistinta massa reazionaria, sottolineando la valenza strategica del rapporto tra movimento di classe e la “guerra dei contadini” (Engels); definendo un...

18 Gennaio 2020 - Marco Ferrando

  • <
  • 1
  • 2
  • 3
  • >