Interventi


ISIS cancro dell'imperialismo

Da Abu Bakr Al-Baghdadi in compagnia del senatore John McCain, alle strategie criminali che insanguinano il Medioriente, l’Africa e l’Europa.

L’ISIS si prefigura sempre di più come il cancro del moderno capitalismo, un fatale sottoprodotto della nostra illimitata dipendenza dall’oro nero, un sintomo parassitario dell’evoluzione delle profonde crisi cicliche dell’imperialismo. Istanbul, Bangladesh e Bagdad, tre nomi macchiati di sangue, sangue ancora fresco di persone, vittime di interessi, talmente forti e potenti da poter innescare e tenere attive queste e altre barbarie, malgrado lo starnazzare,...

14 Luglio 2016 - Chiara Pannullo

Per il raggruppamento dei marxisti rivoluzionari, sulla base di un programma

Circa un mese fa, il compagno Matteo Bavassano, dirigente del PdAC, scriveva un articolo (“Su che basi si costruisce l'unità tra rivoluzionari? Cosa rispondiamo ai compagni che ci chiedono una costituente trotskista”) in cui esponeva la posizione del PdAC, e della LIT, sull’unità dei trotskisti. Visto che nel testo si fa riferimento, più volte, a “un compagno del PCL”, e che il tema generale della discusione è centrale per noi,...

11 Luglio 2016 - Michele Amura

Per un sindacato di classe

Abbiamo lasciato l'Unione Sindacale di Base (USB) ed abbiamo aderito al Sindacato Intercategoriale Cobas (SI Cobas).

Prima di maturare la decisione, necessaria e irreversibile, di uscire dall’USB abbiamo condiviso con il “Coordinamento iscritti USB per il Sindacato di Classe” (a cui abbiamo aderito circa un anno fa) la speranza, ormai disattesa, di un possibile confronto all’interno dell’USB in merito alle scelte politico-sindacali dei vertici nazionali, dettate solo da motivazioni opportunistiche oltre a risultare sbagliate e dannose per il sindacalismo di base. Prima di...

6 Luglio 2016 - Enzo Perfetto Luigi Fucchi Marco Florio Massimiliano Braccianti

I comunisti e l'Europa

Il risultato della Brexit sta stimolando un grande dibattito sul tema dell'Europa e pone importanti quesiti alla sinistra e ai rivoluzionari. È di stringente importanza affrontare questi nodi che, come vedremo, sono molto spesso posti al dibattito come domande a trabocchetto. Saper riconoscere una domanda sbagliata è importante almeno quanto saper dare una risposta ad un interrogativo posto correttamente. Questo breve testo di commento politico si pone in continuità...

30 Giugno 2016 - Nicola Sighinolfi

Elezioni in Spagna: ubriacature governiste e inciampi "marxisti"

Lottare contro l'interclassismo e la sottomissione alla borghesia, caratteristiche di Podemos, è compito fondamentale dei marxisti, così come la costruzione di un partito autenticamente classista e rivoluzionario. Il governo dei lavoratori non può passare attraverso la vittoria nelle elezioni politiche borghesi. Il governo dei lavoratori sarà la dittatura della stragrande maggioranza su pochi sfruttatori, instaurata dopo l'abbattimento dello Stato in mano ai...

28 Giugno 2016 - Giacomo Turci

Il referendum inglese e la bestia del nazionalismo di sinistra in un paese dominante

La divisione interna nell’aristocrazia finanziaria e nel Partito Conservatore sul modo con cui intensificare l’offensiva contro il proletariato e le masse del Regno Unito è stata la causa del referendum. Una parte che vuole mantenere l’attuale quadro istituzionale utilizzando la burocrazia sindacale e il Partito Laburista; l’altra che vuole sbarazzarsi di entrambi sostenendosi sulla piccola borghesia inquadrata nel movimento nazionalista xenofobo. Il...

27 Giugno 2016 - Gian Franco Camboni

Podemos: l'illusione svalutata

La crisi di strategia di Podemos, fra normalizzazione interna e accettazione del sistema borghese

da: Clase contra Clase Poche settimane fa (l'articolo è stato scritto ad aprile, ndr) si sono dimessi dieci consiglieri cittadini madrileni di Podemos. Un’azione di pressione per destabilizzare il segretario cittadino di Podemos, Luis Alegre, uomo di Pablo Iglesias. I dimissionari, legati a Íñigo Errejón, lo hanno fatto contestando la “deriva” dell’organo di direzione madrileno. L’episodio ha un suo antefatto. L’"errejonismo"...

14 Giugno 2016 - Diego Lotito

Il vantaggio dell’oligarchia dominante francese ed europea: l’assenza di una...

L’oligarchia francese e europea ha suo vantaggio, per il momento, l’assenza di uno stato maggiore del proletariato rivoluzionario. Sa che Philippe Martinez non ha un’idea su cosa fare se dopo il 14 il governo Hollande andrà avanti sulla strada che i governi dell’Unione europea seguono dal 2008. L’oligarchia europea non ha ceduto agli scioperi, alle mobilitazioni e azioni di sabotaggio in Grecia, alle battaglie di strada dei minatori asturiani nella...

12 Giugno 2016 - Gian Franco Camboni

Martinez e i NuitDebout sono avvisati

I vertici del sindacato CGT in Francia mostrano già i primi segni di cedimento. La natura della burocrazia sindacale non cambia da nazione a nazione. Il proletariato francese ed europeo si prepari a continuare la lotta contro la legge El Khomri e a fronteggiare la vendetta della borghesia francese ed UE nel caso la legge dovesse essere ritirata. “La CGT è in procinto di cambiare strategia nella sua lotta frontale contro la legge El Khomri? La questione si pone dopo le...

3 Giugno 2016 - Gian Franco Camboni - PCL Sassari

Perché ci pagano in voucher?

Il lavoro che resta non-retribuito sostituendo al salario i "buoni-lavoro"

Nella sua riforma del diritto del lavoro, per gli amici degli hashtag #JobsAct, la Renzi S.p.a. parla dell’introduzione dei “buoni lavoro Inps” in luogo dei regolari salari per le prestazioni lavorative. Buoni lavoro altrimenti detti voucher. Sono già una realtà diffusissima. I padroni (o, se preferiamo la luce caritatevole ed antipessimista sotto la quale li pone il renzismo, i “datori di lavoro”) assumono lavoratori che sempre più spesso...

3 Giugno 2016 - Salvo Lo Galbo