Prima pagina

CARO PRESIDENTE, BASTA IPOCRISIE

21 Febbraio 2012

Come già a Cagliari, anche oggi a Sassari il Presidente della Repubblica ha incontrato le contestazioni e le bandiere del Partito Comunista dei Lavoratori. Dovrà farci l'abitudine, perchè lo inseguiranno in tutta Italia. La sua pretesa di scrollarsi di dosso, con qualche battuta, l'accusa di difendere i banchieri, è quella sì “umoristica”. Un Presidente che ha incentivato e protetto tutte le finanziarie dettate dalle banche, a garanzia degli 80 miliardi annui di interessi loro versati, si accontenti del plauso internazionale dei banchieri: non pretenda di avere quello dei lavoratori. Gli riconosciamo invece una coerenza di lungo corso: dal 1956 in Ungheria al 2012 in Italia, Giorgio Napolitano si è sempre contrapposto agli operai. I benpensanti lo incensano per questo. I comunisti no.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

CONDIVIDI

FONTE